Sistemi di accumulo KWB

Accumulare in maniera efficiente e usare con parsimonia il calore ecologico

  • ampio assortimento di accumulatori
  • per soluzioni di sistema perfette
  • per un maggiore grado di sfruttamento annuo
  • per un minore consumo di combustibile
Sistemi di accumulo KWB

Scegliere un accumulatore -
quali tipologie sono disponibili?

In media ogni persona necessita di 50 litri di acqua calda al giorno per gli utilizzi domestici (fonte: associazione OÖ Energiesparverband).  Un accumulatore di acqua calda sanitaria deve essere in grado di preparare e mettere a disposizione acqua calda nel boiler in base alle necessità individuali. Il serbatoio tampone funziona al contrario. Questo si occupa di mantenere calda l'abitazione e accumula acqua calda innanzitutto per il riscaldamento dei radiatori. I serbatoi tampone tecnologicamente avanzati sono in grado di svolgere entrambe le funzioni: assicurare la circolazione dell'acqua nei radiatori e mettere a disposizione anche acqua calda sanitaria. Il modulo acqua caldaia sanitaria KWB collegato direttamente al serbatoio tampone lo rende possibile.

I sistemi di accumulo assicurano che il vostro impianto di riscaldamento prepari l'acqua calda e riscaldi gli ambienti in modo efficiente e con valori di emissioni bassi. Un accumulatore stratificato soddisfa tutti questi requisiti con un apparecchio compatto e altamente efficiente. Gli accumulatori stratificati sono dotati di zone con diverse temperature. L'acqua viene caricata nella zona corrispondente dell'accumulatore stratificato in base alla propria temperatura. Massimo sfruttamento dell'energia e costi di esercizio minimi diventano così realtà.

Acquistare un accumulatore –
cosa occorre considerare?

In ogni caso nel vostro vano caldaia avrete bisogno di un boiler, quindi di un accumulatore di acqua calda sanitaria. Il suo compito è quello di rifornirvi con un quantitativo sufficiente di acqua potabile igienica e riscaldata. I sistemi di riscaldamento che mettono a disposizione il calore in modo irregolare, come ad esempio gli impianti solari o i sistemi di riscaldamento combinati, come le pompe di calore, necessitano in ogni caso di un serbatoio tampone.

Generalmente una caldaia lavora in modo efficiente sotto carico nominale, quindi alla potenza massima. Se invece la caldaia è spesso soggetta a variazioni di potenza, la qualità della combustione ne risente: le emissioni aumentano, l'efficienza si riduce. Un serbatoio tampone riduce queste fasi alterne di avvio e arresto: "mantiene" il calore che la caldaia ha già prodotto, ma che al momento non viene ancora richiesto. La caldaia conserva il calore in un serbatoio tampone sotto carico nominale e aumenta la potenza solo quando nel serbatoio tampone la temperatura scende sotto il valore minimo impostato. In questo modo non occorre aumentare la potenza solo perché è stato aperto un altro radiatore.

Efficienza ed economicità del sistema di riscaldamento - Grazie all'uso di un serbatoio tampone potete raggiungere la massima economicità del vostro impianto di riscaldamento. Gli avvii e gli arresti troppo frequenti delle caldaie senza serbatoio tampone accorciano la durata dell'impianto e richiedono un maggiore consumo di combustibile. La combustione è più pulita, più efficiente e presenta valori di emissioni più bassi se la caldaia viene arrestata e riavviata meno frequentemente. Un serbatoio tampone lo rende possibile.
Preparazione di acqua potabile igienica - Con un accumulatore di acqua calda, un serbatoio tampone con modulo acqua fresca o un accumulatore stratificato: tutti questi sistemi di accumulo provvedono al rifornimento di acqua calda igienica – assolutamente priva di legionelle.
Risparmio di ingombro - In base alla disponibilità di spazio nel vostro vano caldaia potete collegare un accumulatore stratificato o un serbatoio tampone con modulo acqua fresca. Queste soluzioni rendono superfluo un accumulatore di acqua calda sanitaria separato. La dotazione del vostro accumulo determina inoltre la possibilità di collegare direttamente altri impianti per la produzione di calore (come pannelli solari, pompe di calore, caldaia a legna spaccata). Siete voi a decidere quali requisiti tecnici deve avere il vostro accumulatore e lo spazio che desiderate mettere a disposizione nel vano caldaia.